Arti MarzialiMuay Experience

Muay Jerng: Il Ritmo del Lanna

Timing e Ritmo nel Muay Jerng

Nelle arti marziali e negli sport da combattimento il tempismo è una delle pietre miliari.

Parlo della capacitá di intraprendere soluzioni efficienti nel modo adatto e al momento giusto.

È una componente che riguarda l’uomo in tutte le sue attivitá quotidiane, fisiche e non.

Tutta la nostra vita è scandita dal tempo e la qualitá del nostro tempo dipende esattamente dalla maniera in cui lo impieghiamo.

Un elemento che diventa davvero determinante quando si tratta di movimento, lotta e comunicazione!

Di fatti, le nostre parole equivalgono alla gestualitá. Ogni istante può essere decisivo nel rapporto con le persone proprio in base al modo in cui interagiamo con esse.

Ogni attivitá sportiva possiede diverse modalitá per allenare il Ritmo.

Tra le discipline da combattimento vi sono esercitazioni molto conosciute, come per esempio quelle praticate nella Boxe. Metodi differenziati per imparare ad eseguire spostamenti e a portare colpi precisi, avvalendosi anche di vari strumenti: palla da tennis, palla veloce, corda da salto, etc.

Anticamente però non si disponeva di attrezzature specifiche e, nonostante questo, l’uomo ha sempre trovato un modo per addestrare le proprie attitudini.

Anche nell’ambito del Muay si conoscono molti mezzi per sviluppare queste competenze, ma c’è un esercizio davvero speciale, che definirei unico nel suo genere.

Si chiama Top-Ma-Pab

Appartiene alla schiera delle tecniche simboliche del Muay Jerng e si occupa di riprodurre schemi motori che lavorano sul sincronismo dettagliato tra mente e corpo.

La dinamica prevede l’utilizzo di braccia e gambe, che scandiscono gesti esatti e coordinati mentre si svolgono gli spostamenti di base. Uno dei particolari che viene evidenziato durante l’esecuzione è la percussione delle mani su diverse parti del proprio corpo.

Di sfuggita sembrerebbe di assistere ad una tipica danza tirolese! Invece si tratta di uno straordinario esercizio che riveste significati importanti.

  • Preghiera alle Divinitá.
  • Ringraziamento ai Maestri.
  • Folklore Locale.
  • Riscaldamento generale e periferico.
  • Elevato sviluppo delle capacitá psicofisiche.

Il Jerng molto probabilmente è l’unico stile di Muay a possedere queste movenze e molti esperti di Muay Thai Boran si recano spesso nel Lanna, a Nord della Thailandia, esclusivamente per impararle.

Nondimeno, schemi simili si ritrovano in molti stili di Silat ed altre arti marziali del Sud – Est asiatico.

 

Top-Ma-Pab

 

Top-Ma-Pab è suddiviso per livelli

Ogni sequenza viene appresa gradualmente. Si parte da semplici fondamentali per poi arrivare a costruire concatenazioni variegate e complesse. Guarda il video

Vengono coinvolte tutte le articolazioni mentre i muscoli lavorano tanto in contrazione quanto in distensione. Dulcis in fundo vengono settate le principali catene cinematiche direttamente spendibili in combattimento.

Anche se il Muay è rinomato per la peculiaritá di attaccare e difendersi con tutte le estensioni del corpo (leggi La Geometria Sacra del Muay), sono ancora poco noti i mezzi utilizzati in passato per sfruttare a pieno l’intelligenza di questo sistema.

Nell’immaginario collettivo abbiamo l’impressione che per saper combattere bisogni sempre e solo lavorare sul potenziamento, alla massima velocitá e con aggressivitá. Ma questo modo di fare presenta limitazioni oggettive, provocando molti infortuni e umori turbolenti.

Non sto dicendo che è un metodo sbagliato, ma non è “tutto”. L’Arte Marziale si focalizza sull’essenziale e sul raggiungimento dell’Equilibrio. Uno degli scopi principali è quello realizzare un corretto bilanciamento tra diverse qualitá come tecnica, fisicitá, calma ed astuzia.

Nel corso delle guerre l’uomo è sempre stato molto più consapevole dell’importanza del tempo e del suo impiego.

C’è un momento per correre, uno per passeggiare ed un altro ancora per respirare

Top-Ma-Pab racchiude le diverse manifestazioni del tempo, dove ognuno può sperimentare limiti e natura di appartenenza.

Tra i metodi giá testati e consolidati attraverso il risultato pratico non esiste quello migliore di altri.

Vi è soltanto una sottile distinzione che si muove mediante lo spirito con il quale ci si allena.

Ho avuto la fortuna di imparare da alcuni tra i migliori maestri thailandesi di Muay Boran, bravi maestri di Boxe e da altri in altrettante discipline.

Ognuno di loro ha sempre posto l’accento sull’atteggiamento con il quale ci predisponiamo al training, avvalorando il sorriso e l’auto ironia.

Una delle figure mitologiche più importanti alla quale si ispira il Muay è Hanuman, il Dio scimmia: un personaggio cruciale che presenzia il poema Ramayana (Ramakien in thai).

Nella drammaticitá degli eventi, rappresenta le qualitá impercettibili del respiro, che è anche associato al tempo.

Nei meandri della totale disperazione, scherzando e sorridendo, Hanuman dará luogo alla sua sinfonia della distruzione, riducendo in fiamme l’impero di Ravana per sostenere il principe Rama nella sua impresa.

E con il mistero di questa metafora vi do appuntamento al prossimo articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *